L’evoluzione dell’IT automation in ambito security nel 2021

24 Febbraio 2021

Quale sarà il ruolo dell’IT automation nel 2021? In un panorama sempre più complesso e con una costante crescita delle cyber minacce, l’IT automation sarà sempre più protagonista.

Ma quali sono le criticità a cui risponde questa tecnologia e perché è fondamentale adottare questo approccio il prima possibile?

Il puzzle delle infrastrutture IT

La gestione delle infrastrutture digitali all’interno dell’azienda ha subito una prepotente evoluzione. A guidarla, quel processo di digitalizzazione che nel corso degli ultimi anni (e particolarmente nel 2020) ha portato a un’evoluzione a livello tecnologico che ha radicalmente modificato l’ecosistema IT. Da questo punto di vista, uno dei fattori principali è rappresentato dall’adozione massiccia delle piattaforme cloud, che hanno permesso alle aziende di migrare buona parte del sistema IT attraverso la formula del software as a service. Contemporaneamente, l’emergenza pandemica da Covid 19 ha accelerato il processo di adozione di forme di lavoro flessibili (principalmente in remoto) che sono destinate, secondo molti osservatori, a protrarsi anche nel prossimo futuro. Il lavoro in mobilità, come la condivisione e la collaborazione attraverso piattaforme web, sono destinati a diventare elementi comuni in tutte le attività produttive. L’altra faccia della medaglia è rappresentata da un considerevole aumento dei fattori di complessità nella gestione di questi sistemi. In altre parole, i nuovi ecosistemi IT non hanno portato con sé solo nuove opportunità, ma anche nuove problematiche. Le strategie di IT automation rappresentano la risposta più efficace per fare fronte a queste criticità.

Il fattore velocità

Tra gli elementi che forniscono una decisa spinta nella direzione dell’adozione di tecnologie di IT automation c’è quello che molti indicano come “fattore velocità”. L’adozione di tecnologia di virtualizzazione su piattaforma Cloud ha infatti reso possibile adattare l’ecosistema digitale con un livello di flessibilità e rapidità prima inimmaginabili. Una velocità che rischia, però, di mettere in crisi la capacità stessa degli amministratori IT di gestire correttamente tutti gli aspetti legati alla cyber security e alla protezione dell’integrità dei dati delle risorse aziendali. La cronaca recente riporta numerosi casi di data breach e incidenti di sicurezza le cui cause sono da attribuire a episodi di configurazioni errate, ritardi nell’applicazione degli aggiornamenti e, più in generale, a una scarsa capacità di reagire tempestivamente nell’adeguamento dei sistemi. In sintesi, i sistemi di gestione tradizionale (che prevedono un intervento “manuale” sulle infrastrutture digitali) non sono più in grado di reggere i tempi all’interno di un quadro sempre più dinamico.

IT automation: tutti i pezzi al posto giusto

Lo sviluppo dei sistemi di automazione in ambito Information Technology risponde all’esigenza di mettere in campo un sistema di gestione che sia in grado di “non perdere i pezzi” all’interno dei processi di adattamento e modifica dei servizi digitali in azienda. In chiave preventiva, le piattaforme di orchestrazione IT permettono di adattare rapidamente in maniera automatica i sistemi a qualsiasi cambiamento, eliminando o riducendo notevolmente il rischio che si verifichino errori di configurazione o, peggio ancora, che si creino delle aree grigie che possono sfuggire al controllo degli amministratori IT.

Un approccio i cui vantaggi sono evidenti soprattutto nel settore della cyber security e, in particolare, nella gestione degli aggiornamenti di sicurezza di software e sistemi operativi. Un’attività “time critical” che, senza l’ausilio gli strumenti di IT automation, apre la strada a un potenziale deterioramento dei livelli di sicurezza complessivi dell’infrastruttura aziendale. L’adozione dei sistemi di automazione, però, sta evolvendo anche nell’ottica di garantire una maggiore efficacia dei sistemi di protezione basati sulla logica della detection and response, prevedendo ad esempio sistemi che siano in grado di applicare automaticamente le contromisure più adatte a contrastare eventuali attacchi.

In altre parole: grazie all’IT automation è possibile delineare strategie di risposta ai cyber attacchi che vengono applicate in tempi brevissimi, consentendo così di arginare immediatamente le attività dei pirati informatici e permettere ai responsabili della security di concentrarsi sul quadro complessivo.

CTA-WP-Next-Generation-Security