Automazione dei processi IT: come si realizza step by step

3 Febbraio 2021

L’automazione dei processi IT è diventata un obiettivo primario per tutte le aziende, indipendentemente dal settore in cui sono operative. La crescente complessità delle reti e dei software, infatti, porta a scegliere soluzioni che permettano di semplificare la gestione dell’infrastruttura informatica aziendale e sgravare i responsabili IT di compiti ripetitivi e time consuming.

L’automazione IT, sfruttando software e algoritmi di intelligenza artificiale appositamente sviluppati, garantisce vantaggi tanto temporali quanto economici. Se ben orchestrata, l’IT automation permette di ridurre le tempistiche necessarie per l’esecuzione di una lunga lista di operazioni e dà modo agli addetti IT di avere maggior tempo da dedicare a questioni più delicate.

Ma come si fa l’automazione dei processi IT e quali sono i passaggi che un’azienda deve affrontare per ottenere immediatamente dei risultati? Come vedremo si tratta di un’operazione tutt’altro che alla portata di tutti. Per questo, è sempre meglio rivolgersi ad aziende con esperienza nel settore dell’IT Automation, affinché possano accompagnare al meglio il cliente nel processo.

Automazione dei processi IT: analisi “as-is” dell’infrastruttura e dei processi

Prima di tutto, è necessaria un’analisi della situazione attuale dell’infrastruttura informatica aziendale e dei suoi processi. Questo consentirà di mappare quali sono le necessità, le azioni che vengono compiute più frequentemente e quali sono le persone coinvolte nei vari processi. Un’operazione che potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma necessaria per non disperdere risorse e ritrovarsi con delle soluzioni poco in linea con le necessità dell’azienda. Il rischio che si corre, infatti, sarà quello di sottostimare i bisogni (o, al contrario, sovrastimarli) e optare per un’automazione tutt’altro che funzionale.

Automazione dei processi IT: individuazione delle operazioni “ripetitive”

Una volta che la “mappa” è pronta si dovrà passare a una seconda fase di analisi. Sarà necessario individuare quali sono le operazioni che portano via maggior tempo, quelle che si ripetono più spesso e quelle che non richiedono necessariamente una persona in carne e ossa per essere eseguite. Con queste informazioni a disposizione sarà così possibile conoscere le reali necessità aziendali e passare alla fase di valutazione delle soluzioni di automazione dei processi IT.

Automazione dei processi IT: scelta delle soluzioni software e loro implementazione

Quando si conosceranno i processi IT da automatizzare, si potrà passare alla scelta delle soluzioni software e di intelligenza artificiale da implementare nella propria infrastruttura informatica per ottenere i risultati sperati. Negli ultimi anni, questo settore è cresciuto molto rapidamente e il numero di società che offre sistemi di IT Automation è aumentato esponenzialmente.

Ci si dovrà dunque districare in una miriade di offerte e soluzioni per individuare quella più adatta alle proprie necessità. Come detto, il rischio maggiore è quello di scegliere programmi che non siano in grado di compiere tutte le operazioni richieste (e dunque, trovarsi con una automazione fatta a metà) oppure optare per soluzioni sin troppo potenti, che non verranno mai sfruttate al pieno del potenziale (e trovarsi così a spendere più di quanto preventivato). Si dovrà dunque applicare cura certosina nella scelta, onde evitare di commettere errori nell’uno o nell’altro senso.

Dopo aver trovato la soluzione più adatta alle proprie necessità la si dovrà implementare all’interno della propria infrastruttura IT. Una operazione particolarmente delicata: se qualcosa non dovesse andare per il verso giusto, infatti, si sarebbe costretti a programmare un altro intervento o, peggio ancora, non si riuscirebbero a ottenere risultati e vantaggi sperati.

Automazione dei processi IT: come fare?

Alla luce del processo appena descritto, sono due le strade che è possibile seguire: operare in piena autonomia o rivolgersi a un’azienda informatica specializzata in automazione dei processi IT. Nel primo caso, sarà necessario avere un dipartimento IT composto da professionisti esperti del settore, capaci di compiere analisi approfondite e di individuare le soluzioni di automazione più adatte alla propria realtà. Inoltre, gli addetti IT aziendali dovranno poi implementare la soluzione nell’infrastruttura già esistente, premurandosi di configurare tutto a dovere.

In alternativa, si potrà optare per una società fornitrice di servizi di IT Automation, che si occuperà dell’intera operazione per conto della nostra azienda. Questa strada è decisamente più indicata se, nella fase di analisi “as-is” si intuisce di non avere tutte le competenze per realizzare l’automazione IT dei processi aziendali.

CTA-WP-Next-Generation-Security